• Sant'Agnese secondo ji studiusi

  • Vicoli

  • Strofe da Lavannara

  • Così nacque la Confraternita

  • La Sant'Agnese delle Sant'Agnesi  #1

  • Ju leccaculu

  • La Sant'Agnese delle Sant'Agnesi #2

  • 'Na parlatura strana

  • Natale

  • Sant'Agnese (2006)

  • Lettera ad un'amica

  • Alla cantina della Paccuta

  • La signora co’ ’lla collana de perle

  • 'Nu jornu particolare

  • Le votazzio'

  • Auguri, Balla che te passa!

  • Sant'Agnese (2009)

  • Ju mercatu
  • Pe 'na sera ji probblemi ji lassemo da parte
  •  


     

    Sant’Agnese secondo ji studiusi

    di UMBERTO PILOLLI

     

    (Finalista nel 2004 del concorso “Il Pianeta Maldicenza”)

     

    'Na 'ote,
    quandu ero quatranu,
    màmmema me 'icea sempre:
    “Frechete che lengua che te'!
    Tu ssci bbonu pe' Sant'Agnese!».
    'Nnanzi a st'affemaziò,
    non sapeo se rie o piagne,
    anche se, da come me lo 'icea,
    non me parea propitu 'nu complimentu.
    Oji ji tempi so' cagnati
    e le perso' che capisceno,
    quiji pini de cultura,
    'icono che la lenguata agnesina
    non è 'na cosa brutta,
    come se pensea 'na 'ote,
    ma è addirittura 'na cosa bbona,
    'icono: “Uno strumento di valenza sociale
    e leale antagonismo...”,
    'na sana competizio' tra le perso',
    se 'ice, addirittura, che aji tempi arrete,
    'stu comportamentu ha revotecatu perfino ji rre.
    'Nzomma, se ji sinti de chiacchiera'
    dopu che t'hanno elettu prisidente,
    pe' tutti ji complimenti che te fanno
    te rizzeno da 'nterra armeno de mezzu metru,
    pecché te fanno sinti' come 'nu generale,
    come 'nu condottieru,
    con 'na sola distinziò:
    tu aju postu della spada, te' la lengua!

    Indice


     

    Vicoli

     di DANIELA ROSATI

     

    (Finalista nel 2005 del concorso “Il Pianeta Maldicenza”)

     

    Lentamente cammino
    tra stretti vicoli,
    sibilanti di vento
    forte ed impietoso,
    figlio di un gennaio arido e freddo.
     
    Niente è cambiato da allora,
    il selciato liscio e scivoloso di neve,
    la luce fioca di antiche lucerne
    il buio intenso di grandi portoni antichi,
    i grandi cortili:
    custodi silenziosi e fedeli
    di storie mai narrate.
     
    Lentamente cammino:
    il rumore dei passi,
    più forte nel silenzio della tarda ora,
    si unisce all’improvviso
    al battito del cuore.
     
    Un vociare antico,
    un brusio lontano,
    “malelingue” conosciute
    che parlavano di noi.
     
    Nel falso silenzio dei vicoli
    ci siamo ancora,
    le antiche voci, dietro le finestre,
    ancora raccontano,
    accompagnano i miei passi,
    il mio faticoso ritorno a casa.
     
    Al mio lento passare,
    sembrano chiudersi i vicoli
    eterni custodi di parole sussurrate
    di un dolcissimo ed antico ricordo.

    Indice


     

    Strofe da Lavannara 

    di Rita Ferella

     

    ‘N’atra vòta, quatrà,
    tutti insieme
    ci trovemo a festeggia’.
    Ju locale è sempre quiju,
    lo vino è bbono,
    lo magnà è mejio.
    Le lengue se so’ date
    tutte un gran da fa’,
    non hanno smesso
    mai de lavora’.
    Tuttu j’annu
    se so’ sempre ‘mpegnate,
    in ogni momento
    la lengua ha corsu
    come ‘nu ventu!
    S’è aggiuntu, s’è tolto,
    s’è ‘ittu, s’è scrittu…
    Ma chi se ne frega!
    Lo bellu, quatrà,
    è sta ‘nsieme
    ‘n’atra ‘ote a magna’!
    Ma ji, che so’ zitta,
    mo m’assetto e sto fitta:
    non m’entrometto,
    reguardo e aspetto.
    Ma dapò ce repenzo
    ‘nnanzi a ‘nu piattu de spaghetti:
    massera, pe’ favve chiù dispetto,
    giuro, spergiuro e ancora prometto
    che se ju votu ancora me dete
    de certo no ve ne pentirete!
    La lengua me recomenza a ciarla’!
    Fino a quannu? E chi lo sa! 

    Indice


     

    Così nacque la Confraternita

    di UMBERTO PILOLLI

     

    Una sera di settembre della fine del millennio,
    tre famiglie di amici veri presero l'impegno,
    di dare vita ad un gruppo ricreativo,
    che avesse anche un aspetto innovativo.
    Così, senza musica e grancassa,
    nacque la confraternita “Balla che te passa”.
    Le prime conviviali furono ristrette,
    perché il rodaggio tutto non permette,
    ma nel giro di qualche anno,
    la Confraternita si ritrovò anche a Capodanno.
    Se hai più di quarant’anni
    ma non ti senti ancora in quei panni;
    se per te la vita è ancora un gioco,
    sarai orgoglioso di portare il nostro logo;
    troverai tanti motivi per festeggiare
    e così la vita ti farà meno amareggiare,
    sarai coinvolto anche nel sociale,
    per cercare di alleviare qualche male,
    puoi aderire senza pagare una tassa:
    viva la Confraternita “Balla che te passa”.

    Indice


     

    La Sant'Agnese delle Sant'Agnesi #1

     

    di MARIO NARDUCCI

     

    Chi lo sarebbe ‘ittu che a ‘nu mese
    dalla serie de cene benedette
    ji dirittivi delle Sant'Agnese
    se rencuntréeno a ‘nturcina’ forchette.
     
    Teneàmo ju vizziu, giust’appuntu,
    che passata la festa e l’allicria
    ugnunu spontonea pe’ propriu cuntu
    curennose la propria combagnia.
     
    E invece dopu seculi e biseculi eccote
    la penzata assa’ ‘mportante
    eccote ju miraculu e restemo
    a raffiatasse ‘entru a ‘nu ristorante.
     
    Ju Camminettu, l’aria de famijia
    le portate che corrono, lo vinu
    che se nne va, e quijiu che cunzijia
    a magna’ e bee come se tea fa’.
     
    Scia rengrazziatu "Balla che te passa",
    j’avvocatu Pilolli e pure Orsini
    e quiji che hannu fattu da grancassa
    pe’ radunane tutti st’inquilini.
     
    ‘N’idea de queste, solu coji pei
    poteamo pijia’ viste le mani
    sempre occupate co’ magna’ e co’ bee
    che è la scusante pe’ resta’ quatrani.
     
    E quiji de Ronconi e de Nardecchia
    ji devoti che affonnanu a S. Biaggiu
    dopu ave’ fattu pocu sinti e attecchia
    de ‘ice scì, troetter’ju coraggiu.
     
    Pe’ non esse da meno, pusitivu
    l’Accademia 'e Cardilli responnette,
    che ha depositat’ ju distintivu
    da nu notaru che ji sistemette.
     
    Scette de corsa dajiu Bar Gransassu
    Giacco pe’ accunzinti alla rempatriata:
    frecate, ‘icette allunghenno ju passu,
    pe’ sta ecco, la City so’ lassata!
     
    Urdimi remaneanu j giornalisti
    co’ ju poeròme che ve sta a parla’:
    semo quello che semo, pòri cristi
    che faticanu a scrie più che a magna’.
     
    Però tenemo nasu e semo boni
    a reconosce l’ojiu dallo ranu:
    questa è ‘n’iniziativa, me cojioni,
    che farà storia, anche se pare stranu.
     
    Pecche, troa fior fiore de perzone
    che stannu ‘nzieme pe’ spettecola’
    è ‘na musica dorge, è ‘na canzone
    che fa bon sangue a tutta la Città.
     
    E bon sangue ci serve. Ecco pecché
    senza troppe promesse e ggiuramenti
    j’appundamentu è ajiu ddumilaettré:
    tutti strapronti a raffila’ ji denti.  

    Indice


     

    Ju leccaculu

    di UMBERTO PILOLLI

     

    Da quandu è natu ju munnu,
    ci stanno certe perso’ colla faccia come ju funnu,
    organizzate a 'na certa manera,
    'na freca brave a lecca’ matina e sera,
    ste' perso' che la coccia non tengono de mulu,
    so' conosciute come leccaculu.
    Ju leccaculu sta sempre arrete aju potente,
    e co' issu è 'na freca riverente,
    ji persieri che te' se ne voleno coju ventu,
    ma sta sempre 'nnanzi a ogni eventu.
    E' scivuluso che pare 'n'anguilla,
    ma non se 'ngazza mai e nemmancu strilla,
    tutte le porte rresce a scoppa'
    perché 'ncoccia sa bonu che vo' fa’.
    Compa'... Tu sta' a pensa che so' parole sante?
    Che de 'ste perso' ne sci conosciute tante?
    Ma prima che ci 'ncucci sopra come 'nu mulu,
    te voleo di' che pure cusci' fa ju leccaculu.

    Indice


     

    La Sant'Agnese delle Sant'Agnesi #2

    di MARIO NARDUCCI

     

    Sant’Agnese è quella cosa

    che ci stea ‘na ‘ote j’annu,

    po’, ma senza fanne dannu

    raddoppiò lo festeggia’.

     

    E cuscì, chi rusichea

    a vedecci arcicondendi

    mo’ ci sbatte pure ji ‘enti

    e la bbile fa’ monta’.

     

    Come jice ju proverbiu

    che se ‘ice lungo il Volga:

    chi non bée peste lo colga

    e guduria a chi ci sta!

    Indice


     

    'Na parlatura strana

    di UMBERTO PILOLLI

     

    Ji vocabbolari so' pini de parole,

    ma quandu chiacchieremo ne 'icemo alcune sole,
    spessu so' quelle de tendenza,

    e una de quesse è: esperienza.

     

    Stu termine te dà l’impressio',

    che giustifica e rende bona ogni situazzio'

    e cussci tutte le cose 'cchiu brutte

    te sembrano sagge, te sembrano giuste.

     

    Perfino Filippo che te la moje chiacchierata,

    è convindu de non esse 'cchiu 'nu cornutu d'annata

    da quandu j'hanno 'ittu che la moje

    fa qualche esperienza pe' carma' le vojie.

    Indice


     

    Natale

    di UMBERTO PILOLLI

     

    'Nu sonu de zambogna

    se perde entru 'nu corsu

    tuttu addobbatu de luci:

    'n'atra 'ote è Natale!

    Tu rrisci daju supermercatu

    pinu zippu de rrobba,

    come se non avissi mai magnatu.

    Va' a cerca' quiji stessi poveri,

    aji quali sputerristi 'n'faccia tuttu j'annu,

    pe' faji l’elemosina.

    Te va a 'nginocchiatu 'nnanzi a Cristu

    pe' fatte perdona' non solu ji peccati che ssci fattu,

    ma pure quiji che ssci già decisu de fa' co' j'annu novu.

    Pe' la strai va' facenno j'auguri a tutti,

    pure a quiji che fa finta de non vede' durante j'annu.

    Te sta' a strugge come 'na cannela sopra a 'nu divanu

    aju pensieru che 'na freca de quatranitti

    se moreno ogni jornu pe' la fame

    e te 'ncazzi pecché non t'hanno avvisatu prima

    e la preghiera de Natale,

    l'unica che fa prima de magna' durante j'annu,
    è tutta revota a issi.

    Peccatu che Natale dura 'nu jornu solu,

    senno' sarristi propitu 'nu santu.

    Indice


     

    Sant'Agnese (2006)

    di UMBERTO PILOLLI

     

     (Finalista nel 2006 del concorso "Il Pianeta Maldicenza")

    Nella città in cui sono nato,

    luogo da tanti monti contornato,

    conosciuta anche come città di pace,

    c’è una tradizione che da secoli non tace.

    La festa ricorre a gennaio, il 21 del mese,

    è meglio conosciuta come Sant’Agnese.

    Ogni confraternita sceglie un locale,

    per mangiare e discutere, davanti ad un boccale,

    per capire chi ha sparlato più della gente,

    tanto da essere nominato presidente.

    La votazione si svolge a scrutinio palese,

    l’eletto non prende stipendio a fine mese,

    verrà premiato solo chi sulla lingua non ha peli,

    non ha indecisioni e non usa veli.

    Quando qualcuno fa del male,

    lui è pronto a salire sull’altare,

    per riferire ai suoi votanti,

    che di buoni non ce ne sono tanti.

    E dopo che il fatto ha riferito,

    lui si sente gratificato ed alleggerito,

    sicuro d’aver onorato,

    Il compito che gli è stato affidato.

    E così dopo un anno di dedizione,

    si propone per la nuova votazione,

    nella speranza di rinnovare il mandato,

    a conferma di aver ben lavorato

    Indice


     

    Lettera ad un'amica

    di DANIELA ROSATI

     

     (Finalista nel 2006 del concorso "Il Pianeta Maldicenza")

     

    Cara Marietta,

    è tanto tempo che non ci parliamo: tanti anni che sei andata via, su quella nave immensa, con quella valigia di cartone legata con un vecchio spago, ti sei portata via la nostra amicizia e la nostra giovinezza.

    In quella valigia hai portato con te in un nuovo mondo, la nostra città, le nostre storie. Domani è il ventuno gennaio: Sant’Agnese. Ricordi? Sono sicura che anche tu nella tua bella casa, nella tua nuova città dai grattacieli immensi, festeggerai la nostra particolare giornata. Immagino i preparativi insieme a tutti coloro che con te partirono in cerca di una vita migliore ma che nel cuore hanno portato il profumo dei nostri vini, della nostra cucina, il gusto delle nostre chiacchiere e delle nostre “linguate”. Che bella la libertà di parlare e sparlare col sorriso sulle labbra ed il cuore leggero! Nessuna altra città coltiva una festa così bella, così libera e tu sai come la parola libertà sia importante, preziosa per tutti noi, per quelli che sono andati via e per noi che siamo rimasti. La nostra città è cambiata è vero, e la Sant’Agnese ha vissuto a volte tempi difficili, ma nonostante tutto ancora prepariamo con gioia la nostra serata. Ancora parliamo…e sparliamo…e ci raccontiamo… a volte storie vecchie, racconti che si perdono nel vento gelido dei nostri monti. Spero che il vento arrivi fino a te portandoti il bisbiglio sottile delle malelingue che forse, in un modo un po’ strano, ancora rendono viva e forte la nostra storia. Nelle nostre tavole, nelle nostre feste ci sarete anche Voi e le nostre risate si uniranno alle vostre e la nostra città diventerà per un giorno tanto grande da oltrepassare l’oceano. Cara Marietta, il desiderio più grande per tutti noi in questo momento è quello di non dimenticare, affinché le radici della nostra storia non vengano spezzate.

    Ti lascio nella speranza che tu possa tornare presto nella nostra città, perché no?, magari proprio per festeggiare Sant’Agnese, per ritrovare un po’ del tempo antico e per sparlare un po’ del nuovo tempo che viviamo.

    Ti abbraccio forte.

    La tua cara amica

    L’Aquila, 20 gennaio 2005.

    Indice


     

    Alla cantina della Paccuta

    di UMBERTO PILOLLI

     

     (Finalista nel 2007 del concorso "Il Pianeta Maldicenza")

     

    Alla cantina de Maria, mejio conosciuta come la Paccuta, che se troa arrete alla piazza dello sfasciato, entra ’nu signore de mezz’età, de bella presenza, tuttu allustratu, co’ ’nu sigaru m’òcca e co’ ’na borsa de pelle. ”E’ permesso ? Posso entrare ? Posso avere qualcosa di caldo da bere? ” Assettata arrete aju banco’, sembra propitu iscita da ’nu quadru de Botero, ci stà essa: ”Ve’!.Ve’! stemo ecco propitu pe’ quesso… Mo tè porto subitu quacche cosa de callu, come icea pure Filomena quandu ’cchidduno entrea aju casinu. Mario! Famme ’nu piacere, mitti ’nu picchiere de vinu callu aju medicu. Mario ! Mario! Ma che sta a fa? mica sta già ’mbriacu ? ” ”Ma..Ma..Mari’, tu.. tu.. lo sa, ji.. ji.. be..be..o pe.. pe..dimenticà !” ”Be, allora non te scordà de repagà come ssci’ fattu ieri sera. Cristià, famme capi’ bunu! Tu che lavoru fa? da addo’ arrij ? Chi ssci’? ’Nu medicu? ” ” No! No! Signora, io in verità sono un notaio e sono venuto a L’Aquila per curare gli interessi di un mio cliente milanese.” ” Che te dà cura tu? Ji interessi? Ji grazie a Dio, se ’nfezzio’ non le so’ mai pigliate ! Mario! te muvi o no a portà lo vinu callu aju notaru ?” ”Signora, mi scusi, sento un buon profumino, cosa stà cucinando?” ”Stengo a cucinà ’na lengua de vacca in umidu: è ju piattu tipicu de Sant’Agnese che se festeggia oji a L’Aquila”. ” Sant’Agnese ? Di che festa si tratta ? Che legame c’è tra la Santa e L’Aquila ?” ” Pe’ di’ lo veru la Santa non c’entra propitu gnente. Sant’Agnese all’Aquila è la festa della maldicenza: come faccio mo a spiegattelo? Sant’Agnese è la festa de quiji che tengono la lengua lunga.” ”E’ una festa del gossip?” ”Cristia’, tu co’ me non tà parlà stranieru, ji so’ ’gnorante! Non te capiscio! Pe’ fatte capi’ mejio, te posso solo di che ji capisciò dell’Aquila, co’ a capu ’nu certu professor Ceddia e ’natru che tutti chiameno segretariu a vita, ’icono che Sant’Agnese è la festa de chi ice lo male, ma non lo fa. Ji mo’ cchiù de quesso non te saccio ice. A propositu, ju vidi quiju co’ la camicia de fustagna assettatu ’nnanzi alla botte? Quiju è unu che non tè né arte né parte. Da quando è natu sta’ appontonatu a capu Piazza, e facenno ju leccaculu aji politici de turno è riscito sempre a fasse da’ ’na presidenza, mo de ’na cosa, mo de ’n’atra.” ” Mari’, te so sintitu, ma che sta a di’? Ji non so mai leccatu ju culu a nisciuno! Se me nominano sempre presidente e solo pecchè so’ bravu… Comunque, ji mo me ne vajo pecchè de parole già ne so state itte già troppe pe’ ji gusti me.” ”Notà, la cunusci L’Aquila? Le ssci viste come so’ ridotte le strai? Non ci vo’ ’gnente a roppese le corna!” ”Signora, ma il Comune perché non interviene?” ”Lascemiji perde quiji deju Commune, quiji resceno a mettese d’accordo solo quandu se tencono sparti’ j’incarichi o aumentasse ji stipendi. Ji jelo ’iceo sempre aju poveru maritu me, che non tenea pe’ gnente la vojia de lavorà che era adattu pe’ fa politica. Ma issu, che comunque sapea d’esse ’gnorante, non m’ha ’atu mai retta. Certu, se s’era missu a fa ju politico, mo ji invece de sta alla cantina, stea sicuramente tutta allustrata e co’ ’na bella pelliccia ’ngojiu a famme vede pe’ le strai dell’Aquila: magari faceo pure la beneficenza. Nota’, meno male che oji è Sant’Agnese pe’ ’llo meno certe cose le potemo oltre che pensa’ pure di’, ma sempre però co’ l’intenzziò de cagnà in meglio le cose. Bè, nota’, mo s’è fattu tardi, forse è mejio che te rabbirichi, non vurria che ju maritu deji ”interessi” che stà a curà rentresse prima a casa e avissi fattu ’nu viaggiu a votu.”

    Indice


     

    La signora co’ ’lla collana de perle

    di DANIELA ROSATI

     

     (Finalista nel 2007 del concorso "Il Pianeta Maldicenza")

     

    La vidi quella signora assettata loco quatrà, sci’ sci’ propitu quella assettata a quiju tavolinettu sotto ji portici.
    Tutte le sere, alla stess’ora, la vidi passà carma, tranquilla, co’ ’n’aria quasci triste. Se ci riflitti ’nu pocu, quatrà, t’accurgi che è ancora bella pure se non è cchiù tantu giovane: certu ji vistiti sembreno isciti da ’nu quadru anticu, ji capiji so tutti bianchi, ma ju passu è ancora fermu e decisu, guarda quatrà, tu che sci’ abituatu a vedè camminà se sciuertole, quissu e ’nu passu da signora, ma de quelle vere quatrà.
    Porta sempre ’na collana de perle la signora, nisciun’atru gioiellu, solu ’na collana de perle, che sa de ’n’arte antica, preziosa, mica come s’arbiri de natale che vidi passà ecco sotto che pareno la Madonna delle bucalette pè quante cianfrasajie porteno ’n’gojiu. Sa gran signora ogni sera s’assetta aju stessu tavulinu, ordina ju solitu thè e guarda meravigliata e, a di lo vero, ’nu pocu sconcertata, sta città nova e la gente che ji gira ’n’turnu. Certu che ne tè tante de cose da pensà !.....La signora: ”certu sta gioventù non è cchiù quella deji tempi me. Quand’ero quatrana ji giovanotti jeno tutti rallustrati e ’mpomacati quando esceno a passeggiu. Quisti sembreno tutti jalli co’ ste creste che porteno ’n’coccia e po’ tutti sti ferri ficcati alle recchie, aju nasu, alla bocca……Bo! So’ curiosi forti, però pareno pure tanto allegri e quanno stanno co’ le quatrane parleno, se moveno, rieno…Giacintu me, buonanima, ha fattu ju spasimante pe tutta la vita, ma se ji so sintitu de ice dieci parole in tutto è rassu che cola. E be’ tenco ice la verità ”era musciu ’na freca” tantu che alla fine è remastu co’ mammà, nobildonna, bonanima, che invece de fiatu ’n’corpu ne tenea ’na freca essa, non ha sputatu finu all’urtimu.
    Forse co’ ’nu jallittu de quisti la vita me sarria stata diversa….atri tempi…
    Certu stà città tantu cchiù pulita de prima certu non me pare proprio; corpa deji amministratori, dicono. E bè certu che se passeno le jornate a spianà ji portici è difficile che ponno trovà ju tempu de occupasse della città. Tengono tutti l’amante, dicono, bè che c’entra, pure aji tempi me funzionea cusci’ ma in genere sta manzione appartenea alle quatrane che steno a serviziu alle case. Presteno servizio alle signore e faceno ju serviziu pure aji signori i quali, quasci sempre, s’occupeno pure de politica. Bisogna reconosce che, a modu loro, hanno ato lavoro a tante quatrane….j’hanno lasciato tanto, pure quacche fiju ogni tanto. Mamma mè quanti negozi ci stanno, quante luci, quanta gente che compra. Prima ce ne steno tre o quattro, venneno robba fine, questo sci, vestiti che non moreno mai, tanto che personalmente ji porto ancora. Ma eravamo pochi quiji che ci poteamo entrà, tutti j’atri s’arrangeeno in casa co’ le sartine. Non ci steno nemmanco i cinesi che mo so arriati come le cavallette. ’Na ’ote ji sarriano eliminati co’ ju ddt, bè pure mo’ a chiggunu me sa che j’è vinuta sta brillante idea, pure se no lo ice apertamente. Bè mo è ora de ritiramme pecchè tante cose so cagnate a sta città, ma lo friddu che fa è remastu uguale, solo che mo ci scallemo tutti e mejio de prima.”
    Ecco vidi quatrà, a quest’ora la signora se arza e piano, senza fretta, se ne revà. Statte zittu ’n’attimo, respira e guardala bonu, quatrà è cusci’ bella che pare quasci finta, sembra quasci somiglià a sta città com’era e com’è forse ancora oji: ’na signora che se pò permette de portà solu ’na collana de perle pe’ esse la cchiù bella ( sempre ammesso che chigguno, mò come mò, non se freca pure quella). Be quatra sà che te ico è mejio che ci ravviamo pure nojiatri. Sta a fa ’nu friddu e me pare che comincia pure a nevicà. Mejio che ci ravviamo prima che la città s’empazzisce come sempre, appena caleno ji primi fiocchi e remanemo bloccati pe’ ore. E’ che, secondo me, j’amministratori penseno che stà citta è ’na località de mare e pe’ questo forse che ju pianu neve entra in funzio’ sempre co’ ’na settimana de ritardo, jamo va...”

     

    Indice


     

    'Nu jornu particolare

    di UMBERTO PILOLLI

     

     (Finalista nel 2008 del concorso "Il Pianeta Maldicenza")

     

    Oji non è ‘nu jornu come j’atri...
    ‘Nu tiepidu sole,
    che ha fattu a cechetta pe’ tutta la jornata,
    s’è appennecatu arrete alla montagna.
    A Capu Piazza n’ome,
    mmezzu a certi quatrani,
    cerca de spiega’ ‘na tradizzio’
    che mancu issu ha capitu bonu.
    Oji non è ‘nu jornu come j’atri...
    J’arberi co’ lle coccie brizzolate,
    se so’ ‘ncantati versu la strai deju perdono
    come se te volessero ‘ice quacche cosa,
    mentre ‘nu cinguettìu de passeri
    se perde entru ‘na strina
    che scancella ji segni
    de ‘na jornata da pocu finita.
    Oji non è ‘nu jorno come j’atri...
    Dalla conca della fontana
    esce ‘na lengua de ghiacciu
    che se rabbuticchia ‘ndurnu a quelle ddu’ femmene
    come se le volesse ‘nnasconne
    da j’occhi della gente.
    Tutti ji locali se stanno a rimpi’ de gente
    che co’ devota partecipazzio’
    vo’ continua’ ‘nu discorsu che non è mai finitu.
    Oji non è ‘nu jornu come j’atri pe’ j’aquilani,
    gelosi cultori de una delle tradizzio’
    cchiù singolari deju munnu ‘nteru.
    Oji è 21 gennaio: Sant’Agnese.

     

    Indice


     

    Le votazzio'

    di UMBERTO PILOLLI

     

     (Finalista nel 2008 del concorso "Il Pianeta Maldicenza")

     

    Come vo’ la Costituzzio’
    ogni quattro anni se revà alle votazzio’:
    tutti so’ candidati, fannullo’ e pallo’ gonfiati,
    pronti pe’ la campagna elettorale,
    che da quandu è munnu è sempre uguale.
    Se vuti pe’ unu t’assicura lo laora’,
    se vuti pe’ ‘n’atru ssci finitu de pena’,
    ‘na freca de chiacchiere, sempre le stesse,
    come se le perso’ fossero fesse.
    Po’ finarmente arria la votazzio’,
    che premia la solita spartizzio’.
    E le perso’ che de giustizia tengono sete?
    ‘Na mani ‘nnanzi e una arrete!

     

    Indice


     

    Auguri, Balla che te passa!

    di RITA FERELLA

     

     (Letta nella Sant'Agnese 2008)

     

    Gli anni piano piano so’ passati
    e aju decimo compleanno semo arriati.
    ‘Na bella compagnia s’è formata,
    e Balla che te passa s’è chiamata.


    Ogni vota le cariche so’ state rennovate,
    ma a certe perso’ so’ bene appioppate.
    Parlo senz’altro deju Presidente,
    a ogni elezzio’ confermato unanimemente!


    E che dire della Mamma, ju lauru l’accompagna!
    La Lima sorda, la ‘Occa aperta,
    stanno sempre all’erta pe’ pazzia’ e spettegola’
    e ogni titulu, a dovere, ben rappresenta’.


    E la Lavannara, ma che male c’è,
    se è Emerita, ju pregiu è solo ju sé:
    nu sartu sopraffinu non potea cuci’ mejiu,
    non ci pioe, stu vistitinu bejiu!


    Ci sta po’ ju Secretariu, che co’ tanto ardore,
    svolge ju ruolo de presentatore.
    Nova gente, quatra’, massera ci sta,
    ‘nzieme a noiatri, e perché già se sa:


    “Di Sant’Agnese si festeggia il giorno
    e di alloro ogni capo è adorno.
    Ognuno di voi si prenda licenza
    di sparlare e prodursi in maldicenza”.


    E pe’ rennova’ l’antica tradizzio’,
    su!, comenzemo lesto ‘ssa bella votazzio’!

     

    Indice


     

    Sant'Agnese (2009)

    di RITA FERELLA

     

     (Letta nella Sant'Agnese 2009)

     

    Aprite le recchie, chiudete la 'occa
    che 'n'atra poesia massera v'attocca!
    Cari signori, mo' ve racconto
    la storia vera, la storia bella
    de 'sta compagnia assai pazzarella.
    Era il 1999, era friddu come massera,
    colle mani intirizzite
    e coji piedi congelati
    in un locale a San Pietro semo entrati.
    Eravamo pochi, decisi de comenza' a balla'
    e solo qualche 'ota de ji pure a magna'.
    Ma quella sera c'è vinuta l'illuminazzio':
    facemo de Sant'Agnese la votazzio'!
    E cuscì s'è fatta la prima elezzio'.
    Ju presidente è presto trovato,
    insieme alla mamma e alla lavannara,
    poi ju zillusu semo individuatu:
    persone adatte alle cariche date,
    tutte con orgoglio accettate.
    Dopo 10 anni qualcosa è cambiato,
    la cinta qualche buco avanti ha camminato,
    la testa piano piano s'è imbiancata
    ma la voglia de sta 'nzieme ancora non ci stanca.
    Qualcuno purtroppo ci ha lasciati,
    ma non saranno da noi scordati.
    Questa, quatra', è 'na bella confraternita,
    de cose belle ne fa veramente tante,
    tutte nobili e anche importanti.
    Non è il momento di dirle qui,
    se volete saperle visitate il sito sul piccì.
    La verità è che è un gruppo speciale
    che guarda spesso anche al sociale.
    Sant'Agnese anche massera ci dà l'occasio'
    a allora presto, iniziamo la votazzio'!
    Che vinca il migliore, la lengua più lunga
    e 'n'altra perla al gruppo s'aggiunga!

     

    Indice



    Ju mercatu

    di DANIELA ROSATI

     

     (Finalista nel 2009 del concorso "Il Pianeta Maldicenza" )


    "Ve' Siggnò che co' quattro sordi te faccio magnà la mijiore frutta della città e sta mmatina tengo pure le primizie che vo' tu che ssci' de vocca bbona...lo saccio... te piacevo le cose speciali !!"
    Ecco, queste sono le prime voci che arrivano dalla Piazza del Mercato, il cuore della città, la sua anima; le voci dei personaggi che l'hanno popolata hanno fatto la nostra storia e da sempre "'n' piazza se fa Sant'Agnese tutti ji jorni”" senza necessariamente aspettare il 21 gennaio.
    Basta fare due passi tra i colori e i rumori del mercato ed immediatamente ti trovi immerso dentro la realtà e le situazioni "un po' particolari" della nostra gente.
    Certo tanto è cambiato rispetto a qualche tempo fa; le banchette di legno, tirate e sistemate a mano dalle prime luci della mattina, hanno lasciato il posto a veri e propri negozi ambulanti; non si accendono più fuochi per riscaldarsi d'inverno, quando il freddo sembra non debba mai finire "sembremo quasci peggio delle puttane fra', che quelle guadagneno sicuru di cchiù" ma lo spirito è rimasto lo stesso e " 'nu giru pe' la piazza" è un rito a cui si rinuncia con fatica.
    'Sbrighete Giovà, apparecchia bonu stà merce che mo arria la signora della Curia e quella, se sà, vo' la robba bbona sennò ji preti se risentono, se lagneno... Ji tenesse cresce de meno la panza propitu pe' corpa me..., e cchi ji vo' sinti! Anzi, attenzio' a lascia libera la strai che sennò ju machino' de zi' prete non po' esci'!"
    "Zittu pocu Antò che stà arria pure Teresa, temè che cappillittu che reporta sta mmatina, ma addò l'ha recacciatu..., non se pò guardà.... "
    " Ce j'ha regalatu Ju Barò addò fà serviziu, j'ha recacciatu
    dall'anticaglia de Puzzò, addò se troeno ancora tante cose, che te pinzi. Ajiu negoziu dell'anticaglia de Puzzò ci vanno pure quissi dejiu Consigliu communale pe' fasse vini quacche idea nova, ecco ju mutivo pecché nojatri stemo ancora missí ccusci'... tutti quanti!"
    " Ve Terè, ve' a compra' a mi sta mmatina che tengo pure certe banane... gnente acchè vete' co' quelle che te fa magnà ju barò, quella è robba vecchia senteme a mi. Meno male che è riscitu pure stu raggiu de sole che stanno pe arrià pure ji picciò':
    I cosiddetti "piccioni" erano una volta tutti coloro che, benestanti e nullafacenti, si fermavano a capo Piazza per ore al sole, e lì discorrevano di politica e fatti cittadini. Oggi per lo più lo stormo è costituito da pensionati ed anziani, dell'antica nobiltà e rimasto ben poco, ma certamente non è finito il piacere di fermarsi per ore al sole per risolvere, almeno a chiacchiere, ogni sorta di problema cittadino e non solo.
    "Giovà speremo che sta mmatina ji picciò prima che se ne voleno se decidono pure a fa' la spesa, co' se saccoccie a ciammarica che se retroeno! Sa che è in alternativa li potemo sempre mannà afasse 'nu giru co ju treninu che ancora non hanno missu in funziò e che c'è costatu cuscì pocu, 'gnente che è ju facemo funziona'. A propositu, Giovà, esso pure ju compare, quissu ssci che se po' 'ncollà la spesa dalla Piazza, tantu parcheggia pe' ju Corsu co' lla tabella deji invalidi, come pure fanno tanti atri come issu che però cammineno e campeno quasci mejio de mi. Ultimamente ju Corsu dell'Aquila pare quasci ju viale de Lourdes, parlenno co' rispettu".

    Il vociare linguacciuto del mercato continua fino al primo pomeriggio e lentamente si spegne lasciando il posto al silenzio della sera. Gli ambulanti ritirano le loro bancarelle e riempiono per un po' i bar del centro con le loro chiacchiere e ... affilano le lingue per l'indomani, un'altra giornata di fatica, certo, ma accompagnata sempre dalla voglia di guardarsi intorno con coraggio ed ironia.

     

    Indice



    Pe 'na sera ji probblemi ji lassemo da parte

    di MARIO NARDUCCI

     

     (Letta nella Sant'Agnese 2009 )


    Aspetti tuttu j'annu, e all'assacresa
    come fosse nu lampu a ciel serenu
    ecco che te retorna Sant'Agnesa
    quella che non potemo fanne a menu.

    Revè puntuale come vè Natale
    come vène la Pasqua e Bifania
    è sempre essa, bella tale e quale
    la lingua sciolta come na puisia.

    Ice: se parla male dello male
    e no delle perzone, ma che 'mporta
    sparlà, è come nu pizzicu de sale
    come la ciliegina sulla torta.

    Ma le parole sempre  non ci stannu
    tante che sò le cose da sparlà
    e Sant'Agnese vè na vota j'annu
    non se fa a tempu tutti a canzona'.

    Ma na cosetta la tenemo 'ice:
    che la crisi che tocca tutti quanti
    non  è na cosa che se mmalidice
    e po' se smorza com' i furminanti.

    Ecco se sà, che Obama o non Obama
    tenemo n'annu triste da sfrangà
    scì, non è bisistile, ma reclama
    lo stessu nu puchitt 'e dignità.

    Tenemo camminà, ce llo sapemo
    na mani nnanzi e l'atra mani arrete
    se no finisce che ci ju pijjiemo
    addo' non batte ju sole e non se vete.

    A vojia che Berlusca ice "Va bonna,
    a stu Paese, propriu tuttu quantu"
    A vojia che Tremonti ji resona
    ju ritornellu: stemo all'ojiu santu.

    Ma che ci freca, mentre chi governa
    trova la soluziò pe' lla salvezza,
    rreleggemo massera, nu, la terna
    che ci reporta pocu d'allegrezza.

    Ice: lo risu fa bbonu lo sangue
    e che a tavola non  ce sse fa vecchi:
    e allora ju picchieru che relangue
    rempiemo e tracannemo vinu a secchi.

    E sciccisu alla crisi e alla miseria,
    sciccisi a tutti che ci vònno male:
    ecco la situazio' è propriu seria
    ma se piagnemo resta tale e quale.

    Onde per cui, evviva Sant'Agnesa
    la Santa delle lingue e l'allicria
    Forse sò statu bonu coll'offesa
    ma conta chiù la bbona compagnia.

    Come questa de "Balla che te passa"
    na distinta, illustrissima Congrega
    in nome della quale la canassa
    rarrotémo: lo restu che ci frega!

    Indice